Ultima modifica: 5 Ottobre 2022
Liceo Statale "A. Serpieri" > News > Comunicato n. 106 – Norme per il decoro e la pulizia degli ambienti scolastici

Comunicato n. 106 – Norme per il decoro e la pulizia degli ambienti scolastici

COMUNICATO N. 106

Rimini, 5 ottobre 2022

Agli studenti

e, p.c., ai docenti e ai collaboratori scolastici

Oggetto: Norme per il decoro e la pulizia degli ambienti scolastici

Nell’ottica educativa del RISPETTO DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI E DEGLI ARREDI, si dispone che:

  • Ogni alunno o studente, nel caso produca rifiuti durante le attività didattiche o la merenda, deve obbligatoriamente usare il cestino dei rifiuti per liberarsene, evitando di buttarli sul pavimento o depositarli nel ripiano sotto il banco. I banchi non devono inoltre essere imbrattati con scritte e disegni né tantomeno danneggiati. I responsabili di tali azioni saranno chiamati dalla dirigenza a ripristinare uno stato decoroso del proprio banco e a risarcire i danni, oltre ad essere soggetti a provvedimenti disciplinari.

  • Si richiama ad un civico utilizzo dei servizi igienici, al fine di garantirne la fruibilità nel corso della giornata.

  • Ogni docente, quando si accorge che uno studente ha rovesciato rifiuti o liquidi sul pavimento, deve obbligare lo stesso a raccogliere i suoi rifiuti e portarli al cestino oppure ad asciugare il pavimento chiedendo ai collaboratori scolastici l’apposito attrezzo per la pulizia nell’ottica dell’igiene e della sicurezza.

  • Si sottolinea inoltre che la usuale frase: “Ci sono i bidelli che sono pagati per pulire” sortisce le seguenti riflessioni:

    • La pulizia prevista nei mansionari dei collaboratori scolastici si riferisce allo sporco ordinario e non a quello frutto della mancanza di senso civico e di una ineducazione diffusa, anche perché uno degli obiettivi della Scuola è quello di EDUCARE e non assecondare comportamenti incivili.

  • Al termine della lezione i docenti devono controllare che banchi e sedie siano in ordine, che i residui delle colazioni siano gettati nei cestini e che nulla che possa ostacolare, ritardare o intralciare le pulizie sia lasciato dagli alunni in aula. In proposito, si avvertono gli studenti di non lasciare oggetti sotto la banco, perché verranno gettati nel cestino.

  • In caso di inosservanza il personale ausiliario informerà il DS o uno dei collaboratori, al fine di provvedere all’attribuzione di note sul registro.

Il Dirigente scolastico

Francesco Tafuro

(firma autografa sostituita a mezzo stampa

ai sensi Art.3, c.2. D.lgs. 39/93)

image_pdfimage_print